Emergenza climatica

Scarica il volantino

INIZIO:
16 ottobre 2019
DURATA:
14 ore
ID:
FE0719

INDIRIZZO

FERRARA – Nuovi Istituti Biologici in aula E1, via Luigi Borsari, 46   GUARDA LA MAPPA
Aggiungi al Calendario 16 October 2019 Emergenza climatica FERRARA – Nuovi Istituti Biologici in aula E1, via Luigi Borsari, 46

In collaborazione con il Centro di Ateneo per la Cooperazione allo Sviluppo Internazionale di UNIFE

 

Premessa

L’emergenza ambientale e il cambiamento climatico sono realtà che stanno provocando impatti e fenomeni di frequenza e intensità importanti  e verosimilmente irreversibili su tutto il nostro pianeta e con essi lo sconvolgimento degli ecosistemi e della ricchezza di biodiversità che sostengono la nostra vita, con conseguenze anche sulla salute dell’uomo. Occorre promuovere un nuovo modello di sviluppo all’insegna della sostenibilità puntando al risparmio energetico, all’incremento delle fonti rinnovabili, all’economia circolare, e in generale modificando i nostri stili di vita individuali.
Gli obiettivi 3, 12, 13,1 5 dell’agenda 2030 costituiranno i focus di questa offerta formativa.

 

Metodologie didattiche
Lezioni frontali con l’ausilio di power point, brevi video.

 

Destinatari
Giovani interessati al tema dei cambiamenti climatici, alla tutela dell’ambiente, alla promozione di processi e stili di vita sostenibili.
Per gli studenti universitari iscritti a Scienze Biologiche ad UNIFE è previsto il riconoscimento di un credito formativo.

Volontari di Enti di Terzo Settore.

Cittadini interessati.

 

Tempi e luogo
ORE tot.: 14
7 incontri di due ore ciascuno
FERRARA – Nuovi Istituti Biologici in aula E1, via Luigi Borsari, 46 (da ottobre a febbraio compresi). La sede dei seminari da marzo a giugno è da definire.

 

Cambiamenti climatici e immigrazione

Gli effetti degli stravolgimenti climatici provocati dall’uomo sono una causa sottovalutata e sempre più importante degli esodi e delle migrazioni. I dati dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati rivelano che su 68,5 milioni di persone costrette a fuggire dal proprio paese nel 2017, solo poco più di 113 mila sono arrivate in Europa. Vi sono flussi migratori interni ai paesi di tutt’altra portata. Basti pensare che due anni fa gli sfollati interni sono stati 30,6 milioni. Di questi, più della metà, il 61%, a causa di calamità naturali.
Docente: prof.ssa Orsetta Giolo (Dipartimento di Giurisprudenza)
DATA: mercoledì  16 ottobre 2019 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00

 

La filiera alimentare: impatto sull’ambiente e sulla salute dell’uomo

Negli ultimi decenni del secolo scorso e nella prima decade del nuovo millennio si è assistito all’impiego massiccio di sostanze chimiche di sintesi come fertilizzanti, pesticidi, repellenti in agricoltura, di antibiotici, ormoni e mangimi poco controllati negli allevamenti, di sostanze conservanti e aromatizzanti sintetiche nei cibi, di imballaggi, soprattutto in plastica, per gli alimenti che hanno determinato un emergenziale impatto sull’ambiente, sulla qualità della vita e sulla salute dell’uomo. Risulta pertanto necessario adottare processi di cambiamento, già in atto in quest’ultimo decennio. Il concetto di economia circolare consente nelle attività produttive di rendere sostenibili i processi, dall’attività primaria al prodotto finito, in modo virtuoso e funzionale alla salute dell’uomo, alla salubrità e alla protezione dell’ambiente.
Docente: dott. Mattias Gaglio e prof. Gianni Sacchetti (Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie)
DATA: mercoledì  20 novembre 2019 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00

 

Industrializzazione e nuovi stili di vita: effetti sulla salute

L’industrializzazione e la modernizzazione dello stile di vita hanno aumentato la quantità di agenti xenobiotici ai quali gli organismi viventi sono giornalmente esposti. Questo ha determinato una crescente preoccupazione sugli effetti tossici che l’inquinamento ambientale ha in particolare sulla salute umana. Per diverse patologie è stata individuata una correlazione con l’inquinamento ambientale.

Docente: prof.ssa Stefania Merighi – Dipartimento di Scienze Mediche – Università di Ferrara
DATA: mercoledì  19 febbraio 2020 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00

 

Una corretta gestione dei rifiuti

Una cattiva gestione dei rifiuti non provoca solo danni ambientali (effetto serra, inquinamento degli ambienti terrestri ed acquatici), ma anche economici, perché si sprecano risorse preziose e materie prime non rinnovabili che potrebbero, in tempi più o meno brevi, diventare difficili da reperire. Si analizzeranno le criticità nella gestione dei rifiuti nel contesto italiano e mondiale, le conseguenze e le strategie per rimediare a questo problema.

Docente: dott.ssa Eleonora Polo – CNR-ISOF e Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche- Università di Ferrara
DATA: mercoledì  18 marzo 2020 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00


Fonti di energie rinnovabili e sostenibilità ambientale

L’utilizzo di energie rinnovabili assume una posizione centrale nell’ambito del dibattito relativo alla sostenibilità ambientale. La CO2 generata dal settore energetico ha raggiunto nuovamente un massimo storico nel 2018.
Verranno presentati le principali fonti di energia rinnovabili e il loro impatto sull’ambiente
Docente: prof.ssa Simonetta Pancaldi e prof. ssa Paola Pedrini – Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie – Università di Ferrara
DATA: mercoledì  29 aprile 2020 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00

 

 Cambiamenti climatici ed impatti ambientali ed economici sulla società umana

 Verranno presi in esame gli ultimi 60 anni circa della nostra storia, verranno presentati e discussi i dati scientifici relativi alla variazione della composizione dell’atmosfera e alla variazione della temperatura nelle varie zone del globo. Verranno analizzate le possibili cause di queste variazioni sia naturali sia antropiche. Verranno evidenziate le ricadute culturali, sociali ed economiche connesse alle modificazioni climatiche, con un particolare focus sul Delta del Po. Verranno prospettate possibilità di intervento.
Docente: Prof.ssa Elisa Anna Fano – Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie – Università di Ferrara
DATA: mercoledì  20 maggio 2020 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00

 

Il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima dell’Associazione Terre Estensi: strumenti locali per la sostenibilità.

Il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile e il Clima è il documento con il quale gli enti locali pianificano le proprie azioni per raggiungere gli obiettivi fissati dal Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia: ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 40% entro il 2030, aumentare l’efficienza energetica e il ricorso a fonti rinnovabili, e preparare il territorio alle mutazioni del clima. Per questo motivo il PAESC presenta sia azioni di mitigazione delle emissioni di CO2, che di adattamento ai cambiamenti climatici.
Docenti: Roberto Mauro e Paola Ricciardi – Servizio Ambiente Comune di Ferrara
DATA: mercoledì 3 giugno 2020 ORARIO: dalle 17.00 alle 19.00

 

Iscrizioni
Iscrizione on line entro 10 giorni prima, cercando il titolo del corso su http://www.univol.it/sedi/ferrara o segreteria@agiresociale.it Tel. 0532.205688