Operare in associazioni che si occupano di migranti

Corso base per volontari

In collaborazione con logo unimi

INIZIO:
27 marzo 2019
DURATA:
12 ore
ID:
Cod. 18064

DOCENTE:

INDIRIZZO

Ciessevi Milano - Piazza Castello, 3 Milano (MM Cairoli)   GUARDA LA MAPPA

CATEGORIA

Corsi , Milano
Aggiungi al Calendario 27 March 2019 Operare in associazioni che si occupano di migranti Ciessevi Milano - Piazza Castello, 3 Milano (MM Cairoli)

I quattro incontri proposti sono destinati ai volontari interessati ad operare a favore di cittadini di origine straniera. Anche a causa dell’evoluzione dei flussi migratori, che ha portato ad una loro crescente pluralizzazione – dai richiedenti asilo ai minori non accompagnati, dai ricongiungimenti familiari alle migrazioni femminili, dai migranti circolanti o in transito agli insediamenti stabili di prime e seconde generazioni  – è necessario, per chi si avvicina a questo tipo di popolazione comprendere la specificità dei loro bisogni, che si traduce in una gamma sempre più articolata e complessa di servizi e realtà in cui i volontari possono trovare un proprio spazio d’azione.

Obiettivi

  • Comprendere il fenomeno delle migrazioni nella sua complessità (tramite il commento di fonti statistiche, rapporti e produzione accademica sul tema)
  • Conoscere modalità di esempi e modelli pratici di intervento, grazie al coinvolgimento di operatori e volontari già impegnati in questo campo
  • Conoscere realtà territoriali presso cui svolgere attività di volontariato o migliorare il proprio approccio se già aderenti ad associazioni occupate nel campo.

Contenuti

1)    Rifugiati e richiedenti asilo: tra insediamento e transito

Negli ultimi anni l’Europa ha assistito ad un accresciuto afflusso di migranti che, seguendo rotte complesse e non di rado drammatiche, trova in Italia un punto di approdo, transito e insediamento stabile. Queste domande di accoglienza e di protezione sia sul breve che sul medio-lungo termine, hanno stimolato l’emergere di una rete di servizi e realtà in cui i volontari giocano un ruolo crescente. In questo incontro cercheremo di chiarire i termini del problema (l’evoluzione delle rotte verso l’area Schengen, le forme di protezione internazionale, le caratteristiche fondamentali del sistema di accoglienza italiano…) e discuteremo l’esperienza di alcuni volontari che operano sul campo.

Docente: Chiara Marchetti

Testimonianza: Alice Giannitrapani

2)    Minori di origine straniera: dal presente al futuro dell’Italia

Stranieri giuridicamente ma non nelle loro identità ed esperienze di vita quotidiana, i minori di origine straniera in Italia (nati, ricongiunti o migranti non accompagnati) sono una presenza crescente in tutte le istituzioni – dalle scuole, ai centri di aggregazione giovanile, ai doposcuola, agli oratori, alle comunità – che si occupano di infanzia ed adolescenza. Il coinvolgimento dei volontari in questi ambiti può fornire la chiave per comprendere come favorire processi di integrazione su una molteplicità di piani (da quello linguistico, a quello scolastico a quello relazionale e di quartiere), valorizzando diverse reti, saperi e competenze. L’incontro farà dunque il punto su come si caratterizza la presenza dei minori di origine straniera in Italia, chiarendo come l’azione dei volontari possa contribuire a realizzarne appieno le potenzialità tramite l’analisi di specifici interventi a loro favore.

Docente: Sonia Pozzi

3)    Donne migranti: uno scenario complesso

Uno dei tratti che ha caratterizzato la presenza straniera in Italia negli ultimi decenni è la femminilizzazione. Dietro ai dati che mostrano la crescente presenza di donne tra chi arriva e vive nel nostro paese si cela però una realtà complessa: donne che migrano per lavoro, spesso per rispondere ai bisogni di cura delle famiglie italiane; donne che migrano al seguito dei propri mariti e che spesso sperimentano significative difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro; donne che attraversano specifiche forme di vulnerabilità (quali traffico e tratta). In questo incontro getteremo luce sulla complessità dell’esperienza migratoria femminile nel nostro paese, e capiremo, nella prospettiva dei volontari, che tipo di soluzioni ed interventi possono essere pensati per rispondere a tali differenziati bisogni.

Docente: Paola Bonizzoni.

Testimonianze: Casa delle Donne o Villa Pallavicini

4)    Passeggiata interculturale con Migrantour

Passeggiata nel cuore di Milano accompagnati dai nuovi cittadini, che porteranno alla scoperta di quartieri interculturali e cosmopoliti, svelandoci storie e angoli che neppure chi vi è nato conosce così bene.

La passeggiata si svolgerà in Via Padova. La prima fermata è la Casa della Cultura Musulmana, la moschea di Milano che è anche il più grande luogo di culto islamico riconosciuto del capoluogo. Attraversando vie e scorci nascosti e curiosi del quartiere si arriverà poi al Parco del Trotter, vera e propria “perla nascosta” della città. Questo parco è stato infatti un ippodromo fino al 1924, per poi diventare “la Casa del Sole”, ovvero un una scuola all’avanguardia per bambini malati di tubercolosi, oggi realtà molto attiva nel campo dell’integrazione in ambito scolastico e sociale. Le successive fermate vanno a toccare, tra assaggi e chiacchierate, attività commerciali e di ristorazione di diverse provenienze, dai minimarket internazionali alle piñaterie, per meglio comprendere e apprezzare le infinite contaminazioni che questa via genera.

5)    I migranti e la cittadinanza: riconoscimento di diritti e partecipazione attiva

La cittadinanza è un istituto complesso, comprendente un pacchetto di diritti (civili, politici, sociali), ma anche di obblighi, un’appartenenza a uno Stato e una dimensione soggettiva, di identificazione con una comunità politica. Quando entrano in gioco gli immigrati, la questione si complica, perché la cittadinanza tende ad acquisire aspetti transnazionali e la stessa cittadinanza giuridica può diventare duplice.

Nello stesso tempo, la cittadinanza ha una dimensione attiva, che si esercita dal basso, mediante la partecipazione alla vita sociale e politica di un territorio. Associazionismo, volontariato, movimenti sociali, campagne e dimostrazioni sono espressioni di questa “cittadinanza dal basso”, in cui gli immigrati cominciano a dimostrare volontà di partecipazione e protagonismo

Docente: Maurizio Ambrosini

Metodologia

Il corso prevede l’alternanza di momenti teorici ed informativi con accanto a testimonianze di modelli e pratiche di attività presenti sul territorio.

Destinatari

I quattro incontri proposti sono destinati a volontari e aspiranti volontari interessati ad operare a favore di cittadini di origine straniera.

Massimo 25 partecipanti .

DATE: mercoledì 27 marzo, 3 aprile, 10 aprile, 17 aprile 2019
ORARI: 17,30 – 20,30
DATA E ORARIO MIgranTour: sabato 13 aprile dalle 10 alle 12.00

Sede

Ciessevi Milano – Piazza Castello, 3 Milano (MM Cairoli)

MIgranTour, punto di ritrovo: Casa della Cultura Islamica Onlus, via Padova 144, Milano. Fermata dell’autobus più vicina via Padova/via Mamiani, Linea 56.

Contributo iscrizione

È previsto un contributo per l’iscrizione pari ad € 35,00 + IVA per volontari ed organizzazioni di volontariato.

Per chi non rientra in queste categorie il corso ha un costo di € 143,44 + IVA

vedi regolamento di accesso ai servizi sul sito.